Salute e sicurezza sul lavoro: nuova proposta dalla Commissione europea

by redazione 0

worker operating CNC machine center

La legislazione UE in materia di SSL esiste da oltre 25 anni. Da allora, l’UE è stata un precursore di standard elevati per la protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza. Per conservare questi risultati, la Commissione europea ha adottato ieri alcune misure per modernizzare la legislazione e la politica dell’UE in materia di SSL, per proteggere meglio i lavoratori nei luoghi di lavoro. L’obiettivo è anche quello di concentrarsi maggiormente sui risultati e meno su lavoro di ufficio, nonché per facilitare il rispetto della normativa da parte delle PMI e delle microimprese. Le misure proposte sono basate su una valutazione generale del telaio SST e una continuazione del rapporto 2015 del Parlamento europeo sul quadro strategico dell’UE per la salute e la sicurezza sul lavoro e le reazioni di Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro.

Quadro normativo attuale. Ad oggi l’articolo 153 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea prevede che l’UE possa adottare specifici orientamenti per proteggere la salute e la sicurezza dei lavoratori. La legislazione europea in materia è costituita principalmente da una impostazione della portata generale della direttiva quadro e 23 direttive correlate che riguardano aspetti specifici della sicurezza e salute sul lavoro. Le linee guida correlate adattano i principi della direttiva quadro ad alcuni settori a specifici rischi professionali (ad esempio l’esposizione a sostanze pericolose) o ad alcune categorie di lavoratori (compresi i lavoratori in stato di gravidanza o giovani lavoratori).

Queste linee guida definiscono i requisiti e i principi minimi, come ad esempio i principi di prevenzione e valutazione dei rischi e le misure di protezione conseguenti, così come le responsabilità dei datori di lavoro e dei lavoratori. Gli Stati membri sono autorizzati ad adottare disposizioni più severe per la protezione dei lavoratori nel diritto nazionale. Pertanto, anche se i requisiti legislativi nel campo della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro possono variare tra gli Stati membri dell’UE, un livello minimo di protezione è garantito in tutta l’Unione.

Quali sono i principali risultati della valutazione?
La valutazione mostra che la legislazione dell’UE in materia di SSL è il quadro di riferimento per le norme nazionali di SSL e rimane ampiamente idonei allo scopo. La politica dell’UE in materia di SSL è quello di contribuire, in cooperazione con gli Stati membri, per garantire la sicurezza dei lavoratori miglioramento della salute nell’Unione europea.

Tuttavia, la valutazione ha anche identificato i punti chiave per migliorare il quadro politico e giuridico sulla SSL:
– intensificando la lotta contro i tumori professionali, che rimane la principale causa di morte correlata al lavoro nell’Unione europea;
– aiutando le imprese, in particolare le microimprese e le PMI, a rispettare le norme in materia di salute e sicurezza;
– la cancellazione o l’aggiornamento di disposizioni obsolete, e migliorare la loro attuazione in loco, in collaborazione con gli Stati membri, le parti sociali e le parti interessate.

Quali sono gli aspetti che la Commissione propone di aggiornare?
La Commissione si concentrerà su tre priorità:
1 – modificare la direttiva sulle sostanze cancerogene e mutagene, stabilendo o rivedere i livelli di esposizione ad altre sostanze chimiche cancerogene (o “cancerogeni”) sul posto di lavoro. La Commissione ha presentato una prima proposta il 13 Maggio 2016, al fine di introdurre nuovi limiti di esposizione per 13 sostanze cancerogene. Una seconda proposta è stata presentata il 10 gennaio 2017, che migliora la protezione dei quattro milioni di lavoratori nell’Unione europea, agendo su altri agenti chimici.

2 – aiutare le imprese, in particolare le PMI e le microimprese, per conformarsi alle norme in materia di salute e sicurezza. A tal fine, la Commissione ha pubblicato una guida e strumenti pratici per aiutare le aziende a implementare le norme sanitarie e di sicurezza. La Commissione continuerà inoltre a identificare le buone pratiche per sostenere le microimprese e le PMI nell’attuazione della SSE, in collaborazione con gli Stati membri (ad esempio, incentivi finanziari, strumenti digitali, etc.).

3 – avviare e condurre, entro due anni, un programma per la rimozione o l’aggiornamento di disposizioni obsolete in alcune direttive in materia di SSL. Questo programma chiarisce le norme e riduce l’onere amministrativo per le imprese e le agenzie di attuazione, ma solo nelle zone in cui si permette il mantenimento o il miglioramento della protezione dei lavoratori. Sulla base della lunga tradizione di dialogo sociale tripartito in materia di SSL a livello nazionale e comunitario, questi aggiornamenti saranno sviluppati in stretta collaborazione con le parti sociali e gli esperti governativi. Inoltre, la Commissione avvierà un processo di revisione tra pari per consentire agli Stati membri di trarre insegnamenti dalla vicenda le migliori pratiche in termini di riduzione degli oneri amministrativi nella legislazione nazionale, pur preservando la tutela dei lavoratori.

Qual è il valore aggiunto di queste azioni?
Le misure sopra descritte stabiliranno un quadro moderno per la politica in materia di SSL, che consiste in regole chiare e aggiornate a livello nazionale e quello dell’UE. Questo approccio migliora le condizioni di vita della popolazione, prevenendo malattie e infortuni sul lavoro e comportando una maggiore produttività e prestazioni. A livello macro, contribuisce alla competitività nazionale.

Le aziende, in particolare le PMI, potranno beneficiare di norme più chiare e più semplici. Essi potranno anche ricevere più assistenza, strumenti e linee guida su come proteggere efficacemente la salute e la sicurezza dei lavoratori.
Norme più chiare e più recenti, saranno più facili da implementare e facilitare l’applicazione delle norme da parte degli Stati membri. Gli Stati membri possono inoltre usufruire del processo di revisione da parte dei pari, imparando gli uni dagli altri migliori pratiche in termini di riduzione degli oneri amministrativi nella legislazione nazionale.

Cosa viene richiesto agli Stati membri e alle altre parti interessate?
Nel campo della SSL, l’UE stabilisce requisiti minimi, gli Stati membri possono andare oltre e adottare disposizioni più dettagliate che assicurano una protezione supplementare ai lavoratori. Per fare questo, è essenziale che il focus è sul rafforzamento della protezione e senza oneri amministrativi inutili sono imposti alle imprese. Gli Stati membri sono incoraggiati a esaminare i loro quadri legislativi per semplificare, mantenendo o migliorando la protezione esistente – molti paesi hanno infatti fatto negli ultimi anni. La Commissione faciliterà l’apprendimento reciproco a questo proposito come parte di un esercizio di valutazione tra pari.

È essenziale che gli Stati membri rispettino l’obbligo di garantire il monitoraggio e l’attuazione sul terreno e hanno le risorse necessarie a tal fine. La cooperazione tra le parti sociali, organizzazioni imprenditoriali e servizi di ispezione è essenziale per la prevenzione degli infortuni e delle malattie, in particolare nelle piccole e medie imprese e le microimprese. La Commissione farà in modo che le linee guida dell’UE in materia di SSL sono adeguatamente applicate e, allo stesso tempo, si rafforzerà il suo sostegno al miglioramento degli standard e delle linee guida, in particolare attraverso il Comitato di controllo sul lavoro.

Infine, la creazione di una cultura diffusa del rispetto in aziende di ogni dimensione e tra i lavoratori deve stabilirsi sin dall’inizio come parte della formazione professionale. Essa deve essere fornita attraverso la sensibilizzazione e lo scambio di buone pratiche, ed essere seguito attraverso ispezioni in posizione ideale al di là della semplice verifica e la punizione, e l’assistenza nella individuazione dei migliori mezzi di conformità . L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) è un giocatore importante nel sostegno del ricorso della Commissione, in particolare per quanto riguarda il sostegno alle PMI e le microimprese in efficace applicazione delle norme.

Quali sono le proposte per quanto riguarda i rischi psicosociali, disturbi muscoloscheletrici (MSD) e l’invecchiamento della popolazione?
La guida rilasciata oggi sarà aiutare le aziende a risolvere questi problemi sempre più preoccupazione. Fornisce consigli pratici sulla gestione del rischio psicosociale ed ergonomico. La Commissione intende inoltre sviluppare principi applicabili agli ispettori del lavoro per quanto riguarda la valutazione del rischio legata all’età.

Come sono state consultate le parti sociali e le parti interessate?
Durante la valutazione, la Commissione ha garantito le parti sociali, gli Stati membri e le parti interessate. Ad esempio, gli Stati membri erano tenuti a consultare le parti sociali prima di presentare le relazioni nazionali di attuazione della Commissione. Inoltre, un imprenditore indipendente, ha condotto interviste con un numero di parti interessate nel campo della salute a livello UE che a livello nazionale. La Commissione ha inoltre consultato il comitato consultivo per la sicurezza e la salute sul lavoro (CCSS), all’interno del quale gli Stati membri e le parti sociali sono rappresentate, e il Comitato di Alti sull’ispezione del lavoro, che comprende i servizi di ispezione del lavoro di ciascuno Stato membro, in tutto il processo di valutazione.

Quali sono i finanziamenti comunitari a disposizione per sostenere la salute e la sicurezza?
Fondi europei, in particolare il Fondo sociale europeo (FSE) e la strategia per l’occupazione e Social Innovation (EASI) sono a disposizione per promuovere la salute e la sicurezza sul lavoro negli Stati membri.

Ad esempio, il FSE sostiene l’istruzione e la formazione per gli operatori sanitari e le attività di informazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Il programma supporta principalmente Easi attività analitiche nel campo della salute e della sicurezza sul posto di lavoro, come ad esempio la raccolta dei dati, la valutazione, il supporto per la valutazione d’impatto e l’apprendimento reciproco ( per esempio, la valutazione tra pari) tra gli Stati membri.