Assofoodtec – Giovanni Rossi eletto nuovo presidente

by redazione 0

Schermata 2020-05-26 alle 13.24.28

Il nuovo presidente dei Costruttori affettatrici, tritacarni ed affini – comparto di Assofoodtec in seno ad Anima Confindustria – è Giovanni Rossi, attualmente Direttore generale presso l’azienda Minerva Omega Group di Bologna. Succede a Marco Ferlito e rimarrà in carica fino al 2022. Modenese, laureato in Scienze Politiche con percorso dedicato alla sociologia del lavoro e dei processi produttivi, prima di svolgere l’incarico attuale è stato Direttore commerciale Italia ed estero per la Automac-Fabbri Arti Grafiche, Direttore Divisione Retail per Bizerba Spa e Direttore generale e Amministratore unico, dal 2013 al 2017, per la società Flexongraf Srl, partecipata al 100% da Bizerba GmbH.

Da una parte l’importanza di proseguire le attività con le istituzioni, dall’altra la volontà di diffondere la professionalità del settore per il neo eletto Giovanni Rossi: «L’associazione deve proseguire il contatto con le istituzioni e gli enti normativi per una corretta definizione delle norme e degli standard tecnici da seguire: continueremo a sviluppare il tema Moca (Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti) per garantire la tutela della salute e elevare la qualità dei prodotti italiani. Proseguiranno i costanti contatti con il Ministero della Salute, Inail e Istituto Superiore di Sanità. L’associazione – prosegue Giovanni Rossi – sta già lavorando su questo tema, puntiamo a rendere il comparto italiano dei Costruttori affettatrici, tritacarni ed affini come un modello da seguire anche all’estero».

Un settore che punta molto alle esportazioni, con una quota export circa del 60% nel 2018 e nel 2019 (dati Ufficio studi Anima). Per il nuovo presidente è importante «riprendere le quote di mercato perse a seguito del lockdown a causa dell’emergenza epidemiologica, anche se il nostro settore, facendo parte della filiera alimentare, ha potuto proseguire l’attività produttiva in maniera più continua rispetto a molti altri comparti della meccanica».