Urban Mobility Contest, ottimo esordio

by Redazione 0

Smart Motion_Progetto Vincitore dell'Urban Mobility Contest @Eicma

Smart Motion_Progetto Vincitore dell'Urban Mobility Contest @EicmaAlberto Piovesan, studente dell’Università IUAV di Venezia, ha vinto il primo Urban Mobility Contest, che ha visto gli studenti delle migliori scuole e università di design italiane, affrontarsi a colpi di creatività sul tema della mobilità sostenibile urbana. Il concorso è stato realizzato da UPS, attore mondiale nei trasporti e partner dei più importanti operatori dell’automotive, in collaborazione con Rizoma, brand di successo internazionale nel mondo del design e della ricerca stilistica applicata al movimento.
Piovesan si è aggiudicato il premio realizzando Smart Motion, sistema di navigazione per veicoli a due ruote che sfrutta la nascente tecnologia touch screen su vetro schermo trasparente. L’obiettivo è offrire assistenza alla guida senza ostacolare la visuale, permettendo ai ciclisti di immergersi in itinerari naturalistici e percorsi urbani, senza dover cercare la strada giusta. Attraverso una diversa configurazione del pannello, è stata pensata una variante per le moto, fornendo maggior comfort grazie alla protezione dal vento.
La Giuria – composta da Pier Francesco Caliari (direttore generale di EICMA), Fabrizio Rigolio (CEO di Rizoma), Iulia Nartea (country manager di UPS Italia), Giuliano Salvi (performance race engineer di Scuderia Ferrari) e Pierluigi Bonora (giornalista di riferimento del mondo automotive) – ha esaminato i concept e le creazioni degli studenti di IED Milano e Torino, Politecnico di Milano, IUAV Venezia e Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Seconda Università di Napoli.
La scelta finale è ricaduta su Piovesan “poiché è riuscito a sfruttare una tecnologia nascente creando un’applicazione con una reale potenzialità di essere commercializzata. Smart Motion potrebbe imporre un nuovo standard nel design e negli accessori legati al mondo delle due ruote. È stato apprezzato il link tra la dimensione zero emission delle bici e quella della velocità della moto. In entrambi i casi il progetto rispetta i requisiti di sostenibilità, per la bicicletta consentendo un’immersione ancora più totale nell’ambiente circostante, nel caso della moto permettendo di trovare la via più breve al primo colpo e integrando in un’unica componente, quella del parabrezza, le funzioni di protezione e navigazione”.
Alberto Piovesan si è aggiudicato uno stage di 6 mesi presso l’headquarter di Rizoma a Ferno (VA), dove avrà la possibilità di lavorare a stretto contatto con i creativi dell’azienda.
I nove progetti finalisti dagli studenti sono esposti al pubblico in un’installazione creata ad hoc dal designer Ronen Joseph all’interno di EICMA 2015 dal 19 al 22 novembre.