Un’ottima annata per le macchine utensili

by Redazione 0

ucimo_cs_2016

I costruttori italiani di macchine utensili e robot possono brindare all’anno nuovo, ma una bottiglia andrebbe stappata anche per quello appena trascorso. Secondo i dati di preconsuntivo diffusi oggi dall’associazione di settore Ucimu – Sistemi per produrre, il valore della produzione è aumentato nel 2016 del 5% a 5.480 milioni di euro, grazie soprattutto alla crescita a due cifre delle consegne sul mercato interno (+20,5%), arrivate a 2,2 miliardi di euro, a fronte di una leggera flessione delle esportazioni (-3,3%), che hanno toccato 3,27 miliardi di euro.  A condizionare in negativo le vendite all’estero sono stati mercati chiave come Cina (-9,7%), Stati Uniti (-9,1%), Russia (-60%, dove hanno pesato sanzioni e ritorsioni) e Regno Unito (-33%).
Il consumo nazionale di macchine utensili, robot e automazione – tenendo anche conto delle importazioni – ha raggiunto 3.685 milioni di euro, con un incremento del 10,1%.

OUTLOOK 2017. Positive le stime Ucimu per il 2017, che indicano un ulteriore incremento del 4% del valore della produzione, fino a sfiorare i 5,7 miliardi di euro, sfruttando la tenuta della domanda interna, attesa in crescita del 6,9% grazie al sostanzioso pacchetto di incentivi varato dal Governo, con la conferma della Nuova Sabatini, del superammortamento e l’introduzione dell’iperammortamento al 250% per le tecnologie Industria 4.0. L’anno prossimo dovrebbero tornare a crescere anche le esportazioni, pur in misura inferiore al passato (+1,7%).

Il settore delle macchine utensili, robot e automazione conta circa 400 aziende con 32mila addetti.