Un’azienda italiana miglior start up al mondo

by Redazione 0

braincontrol

braincontrolMentre la sempre attiva ANIPLA (l’Associazione Nazionale Italiana Per L’Automazione) sta organizzando il convegno “IoT, l’Internet delle cose per l’Automazione e la Manutenzione” a San Donato Milanese (MI) per il prossimo giovedì 16 aprile 2015, con il riconoscimento di 2 CFP autorizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Milano la partecipazione al convegno dà diritto a 3 crediti formativi professionali ai periti industriali iscritti all’Albo, è giunta un’altra notizia che conferma quanto possano fare le aziende italiane.
L’azienda BrainControl di Siena si è infatti aggiudicata il riconoscimento “IoT – Best in Breed” lanciato dall’incubatore di start up britannico Breed to Reply, che opera nel campo dell’Internet degli Oggetti (IoT secondo l’acronimo inglese, da “Internet of Things”). L’impresa toscana ha sviluppato la tecnologia per il settore della salute e in particolare persone che hanno perso la capacità di comandare il proprio corpo, per un’assistenza controllata dalle onde cerebrali che permette a chi è affetto da patologie come Sla, Sclerosi Multipla, lesione traumatica o ischemica, di comunicare con il mondo che li circonda.
Attraverso un tablet, la tecnologia Bci (brain-computer interface) permette a un dispositivo posizionato sulla testa d’interpretare la mappatura elettrica in corrispondenza di alcune attività celebrali, consentendo il controllo di macchinari esterni realizzati ad hoc: e il (pur minimo) controllo a distanza attraverso il pensiero non è più fantascienza…