Start-up innovative, il visto per imprenditori stranieri

by Redazione 0

Startup-Visa

Startup-VisaParte finalmente Italia Startup Visa, il visto speciale per imprenditori stranieri che vogliono avviare start-up innovative in Italia, riprendendo la misura 44 del piano Destinazione Italia e la legge n.221/2012 (“Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”), per attrarre talenti e favorire la nascita di nuove imprese.
Un portale specifico sarà operativo ufficialmente dal prossimo martedì 24 giugno, dove gli imprenditori stranieri possano compilare la modulistica per la richiesta del nulla osta al comitato tecnico con una procedura semplificata e informatizzata, e sulla valutazione della validità delle iniziative start-up da parte di un comitato tecnico istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Si considerano anche i servizi di accoglienza offerti dagli incubatori certificati di imprese start-up, che ospitano e sostengono le idee imprenditoriali ad alto potenziale di ritorno economico.
Alle linee guida del progetto (aggiornate alla fine dello scorso mese di maggio) hanno lavorato i ministeri dello Sviluppo Economico, degli Affari Esteri, del Lavoro e delle Politiche Sociali, dell’Interno. Tra i requisiti per l’ottenimento del visto d’ingresso, un imprenditore straniero deve dimostrare la disponibilità di risorse finanziarie non inferiori a 50 mila euro, attraverso finanziamenti concessi da fondi di venture capital o altri investitori, finanziamenti ottenuti tramite i portali per la raccolta di capitali, altri finanziamenti rilasciati da enti governativi o non sia italiani che stranieri, o una combinazione di queste categorie. Facilitazioni particolari saranno previste per il cittadino straniero che abbia ricevuto la disponibilità di un incubatore certificato ad accoglierlo presso le proprie strutture, per la costituzione di una start up innovativa.