Soluzioni ad alto valore aggiunto e customizzate

by redazione 0

Gamma di prodotti Pneumax per l’automazione di processo

Comprendere al meglio le esigenze del cliente e tradurle in prodotti ad alto valore aggiunto e, molto spesso, customizzati è la forza di Pneumax.

Gamma di prodotti Pneumax per l’automazione di processo
Gamma di prodotti Pneumax per l’automazione di processo

Più facile a dirsi che a farsi, perché questo approccio al mercato richiede ovviamente un’organizzazione pressoché perfetta in termini di capillarità sul territorio, flessibilità produttiva e grandi competenze in svariati campi applicativi.  

In Pneumax S.p.A. sono attive quattro  Divisioni: 

  • Automazione industriale
  • Automazione di Processo
  • Automotive
  • Wood machinery 

Nel corso degli anni, ingenti investimenti stanno portando ad una crescita costante di queste Divisioni, fino ad arrivare a un’offerta completa di soluzioni che affiancano alla consolidata tecnologia pneumatica anche l’attuazione elettrica e i componenti per il controllo dei fluidi liquidi e gassosi. 

I moderni modelli di business, che mettono al centro i paradigmi di Industria 4.0, hanno inoltre reso necessario affiancare alle competenze meccatroniche, altre conoscenze applicative e trasversali, dall’analisi di dati e algoritmi, alle tecnologie digitali.

Questo modus operandi ha portato Pneumax da un lato a creare partnership con importanti realtà per lo sviluppo di alcune linee di prodotti, dall’altro ad acquisire importanti commesse in tutto il mondo collaborando con importanti multinazionali.

 

Pneumax Business Attitude

Per poter dialogare con il cliente bisogna conoscere perfettamente il contesto in cui opera. Solo in questo modo è possibile comprenderne le necessità e fornirgli soluzioni che rappresentano un reale valore aggiunto. Da questo presupposto sono nate le quattro  Divisioni specializzate dedicate a settori industriali strategici, ognuno significativo per differenti ragioni, dalla complessità e qualità richiesta dall’Automotive, alle prestazioni e alla varietà di materiali necessari nell’automazione di processo ed in particolare nel petrolchimico, sino alla flessibilità richiesta in generale nell’automazione industriale e alla competenza ed esperienza maturata in oltre 40 anni di leadership nel settore del legno.

Il modello organizzativo che supporta questo approccio al cliente prende il nome di Pneumax Business Attitude. Esso si struttura con Business Specialist con competenze specifiche sulle applicazioni del settore industriale; Product Specialist dedicati al prodotto/tecnologia; e Sales Engineer che sono l’interfaccia costante per il cliente sul territorio.

Spiega Domenico Di Monte, Corporate Brand Manager di Pneumax; «La combinazione delle competenze e delle capacità di queste figure ci permette di interfacciarci con il cliente, strutturando un’offerta di valore che parte sempre dalla volontà di creare delle partnership con i clienti stessi “parlando la loro lingua” e comprendendo le loro necessità legate alle diverse applicazioni.

In questo contesto, consideriamo anche le partnership tecnologiche con altre aziende per mettere a disposizione del cliente anche ulteriori competenze complementari. 

È ciò che abbiamo fatto, per esempio, con il progetto MLGA, Multiaxis Locator for Geometric Alignments, un posizionatore multiasse per allineamenti geometrici per il settore della lastratura, realizzato in sinergia con Siemens e Telmotor». 

In questa filiera a valore aggiunto, la qualità garantita dai componenti realizzati da Pneumax combinata all’affidabilità dei sistemi di motorizzazione e dall’elettronica Siemens utilizzati per la rinnovata gamma di attuatori elettrici Pneumax Serie 18T, ha permesso di valorizzare le competenze stesse delle due aziende e dell’integratore Telmotor nel settore automotive, in particolare nel BiW e di implementare su questa applicazione le tecnologie più evolute e performanti anche in ottica di industria 4.0. 

Il sistema MLGA risulta così dotato delle più innovative soluzioni digitali, capaci di abilitare servizi come la manutenzione predittiva, realizzata sfruttando la piattaforma Simatic IoT2040 di Siemens in cui vengono rilevati, rielaborati e resi disponibili in Cloud tutti i parametri necessari per poter intervenire sull’ottimizzazione costante della macchina evitando fermi e perdite di produzione.
La novità più importante che riguarda l’ambito software per la versione 2019 dell’MLGA è lo sviluppo del digital twin, che permette di controllare e soprattutto di simulare in ambiente virtuale il funzionamento dei singoli componenti della macchina. Grazie al gemello digitale è possibile anche effettuare in anticipo, prima che la macchina venga installata in campo, test in linea di produzione e training degli operatori, il tutto in un ambiente virtuale e integrato. 

Versatilità e massima affidabilità: elettrovalvole serie 3000

L’offerta di elettrovalvole Pneumax si è arricchita della nuova serie 3000. Una gamma di prodotti utilizzabili sia nella versione singola che in batteria, disponibili in tutte le versioni più comunemente utilizzate e capaci di lavorare con pressioni positive fino a 10 bar oppure con vuoto.

In questa prima versione la gamma di elettrovalvole da 10 mm con portata 200 Nl/min è disponibile in configurazione autoalimentata oppure alimentata esternamente e realizzata con connessioni punto a punto in tre differenti tipologie di interfaccia: con connettore miniaturizzato tipo H, con cavetti di lunghezza 300 mm e con un connettore M8 con integrata la sede snap-on.

Per quanto riguarda invece la gamma di elettrovalvole dedicate all’assemblaggio in manifold pre-configurati è disponibile in versioni multipolari e seriali grazie ad una vasta scelta di connettori e di moduli input e output analogici e digitali.

Il design compatto e pulito sia del corpo valvola che del manifold, entrambi in alluminio, consente l’impiego in applicazioni dove è richiesta l’ottimizzazione degli ingombri e la riduzione del peso senza abbandonare l’affidabilità e le prerogative dell’alluminio.

Le elettrovalvole della serie 3000 nella versione seriale sono predisposte per potersi interfacciare con tutti i principali protocolli di comunicazione come CanOpen, Ethercat, Profinet,  ethernet IP, Powerlink, Profibus, .

La serie 3000 amplia l’offerta Pneumax di elettrovalvole che comprendono versioni dedicate ad applicazioni per settori che richiedono performance molto differenti, dall’assemblaggio all’automotive.  

Mentalità globale con profonde radici italiane

Vista aerea del quartier generale di Lurano che copre oltre 116mila metri quadrati
Vista aerea del quartier generale di Lurano che copre oltre 116mila metri quadrati

Fondata nel 1976, Pneumax S.p.A. è oggi uno dei principali player nel settore dei componenti e sistemi per l’automazione, capofila del Gruppo costituito da 23 società produttive e commerciali che occupano 660 collaboratori nel mondo con un fatturato che supera i 90 milioni di euro. Il network internazionale comprende 9 filiali in Europa alle quali si aggiungono le filiali in India, Cina, Singapore, Brasile e, da quest’anno, anche negli USA. La struttura commerciale è completata da una  capillare rete di distributori che garantisce la presenza di Pneumax in oltre 50 Paesi.
L’export,  si affianca ad un capillare sviluppo in Italia dove l’azienda ha consolidato rapporti storici con i propri clienti in tutti i principali settori industriali, anche grazie alla presenza sul territorio nazionale di 8 filiali, l’ultima della quali aperta proprio nel 2019 in Toscana. 

Nonostante la forte propensione all’internazionalizzazione, nel piano di sviluppo di Pneumax il cuore della produzione rimarrà anche in futuro nel quartier generale di Lurano, in provincia di Bergamo, dove verrà completata la settima unità produttiva entro la primavera 2020. Quest’ultima, si svilupperà su due piani e sarà dedicata alle linee di assemblaggio e alle lavorazioni meccaniche della Divisione Automotive. 

 

Il valore del capitale umano

Da sempre, l’evoluzione di Pneumax passa attraverso l’innovazione tecnologica e l’accrescimento delle competenze. Da oggi, questi due fattori che sono la naturale conseguenza di una costante vicinanza al cliente e alle sue problematiche, avranno un punto d’incontro nella Pneumax Academy.  

Il continuo sviluppo tecnologico richiede, infatti, un corrispondente aumento delle competenze come ricorda Rossella Bottacini, CEO del Gruppo Pneumax:«Il continuo sviluppo tecnologico richiede una corrispondente evoluzione delle competenze che deve essere sistematica e strutturata, da qui l’idea di realizzare un’Academy aziendale con cui da un lato vogliamo preservare e trasmettere le competenze del saper fare, dall’altro è imprescindibile sviluppare le conoscenze strategiche per sostenere l’innovazione tecnica, produttiva e organizzativa, ed essere sempre protagonisti nel mercato globale, una sfida possibile anche grazie alle  partnership avviate con centri di ricerca sia italiani che esteri». 

Pneumax ha un forte legame con il territorio radicato nella convinzione che le aziende hanno un ruolo sociale fondamentale. Per questo è sempre stata posta molta attenzione al valore delle risorse umane come dimostrano i numerosi progetti avviati con gli istituti superiori e con le università per favorire la collaborazione tra mondo dell’istruzione e del lavoro.

Academy, però, va oltre la formazione continua: l’impegno di Pneumax è invece rivolto a far comunicare “saperi diversi”, coniugando conoscenze multidisciplinari in un’epoca caratterizzata da profonde trasformazioni tecnologiche, sociali e ambientali. 

 

di Mattia Barattolo