Rollon acquisisce Tecno Center e si rafforza negli attuatori lineari

by Redazione 0

rollon

rollonRollon, gruppo internazionale con base a Vimercate (MI) e leader mondiale nella produzione di sistemi per la movimentazione lineare per diversi settori, ha annunciato l’acquisizione del ramo della torinese Tecno Center dedicato alla produzione di attuatori lineari, componenti per la movimentazione lineare nel settore dell’automazione industriale, mercato in cui Rollon aveva fatto il suo ingresso nel 2011 con l’acquisizione dell’italiana El.More.
L’operazione mira a rafforzare l’offerta relativa al segmento attuatori, ampliando l’attuale gamma con prodotti complementari, tecnologicamente avanzati e di maggiore complessità, capaci di garantire alte performance nelle applicazioni in settori industriali come il mondo del “bianco”, l’automotive e le macchine utensili. Il risultato è la gamma di attuatori più competitiva in Italia e tra le più complete a livello mondiale, che rafforzerà l’offerta del Gruppo in Italia e in tutte le aree con filiali dirette o uffici commerciali: dall’Europa (Germania e Francia) agli USA, fino ai Paesi emergenti di Brasile, Russia, Cina e India.
L’operazione risponde alla strategia di crescita di Rollon, che puntava all’acquisizione di un’azienda manifatturiera con cui poter realizzare una perfetta integrazione a livello industriale e sfruttare sinergie commerciali: ora l’azienda fondata nel 1971 a Venaria Reale (TO) – che vanta una forte leadership sul mercato nazionale che pesa per l’80% dei ricavi – potrà avvantaggiarsi del network internazionale di Rollon, che ha chiuso il 2014 con una crescita del fatturato del 6%, aprendo nuove filiali a Shanghai in Cina e a Bangalore in India.
La produzione dei prodotti Tecno Center è già stata dislocata a Vimercate, dove sono rimasti in forza tutti i lavoratori dell’azienda torinese (e dove sono impiegati oltre la metà dei 300 dipendenti del Gruppo). L’acquisizione è stata finalizzata grazie al supporto e all’impegno di Chequers Capital e IGI SGR, azionisti di maggioranza.