Robot Kuka costruisce il tetto del museo

by Redazione 0

kuka_compositi

Vedendo un robot Kuka al lavoro, molti visitatori del Victoria and Albert Museum di Londra si saranno chiesti nei giorni scorsi cosa hanno da spartire arte e design con l’automazione industriale.

In realtà i punti di contatto non mancano, come testimonia l’iniziativa “Engineering Season”, promossa dal museo britannico per rendere tangibili le interazioni tra design, architettura e industria. La manifestazione, iniziata il 17 giugno scorso con la performance del robot Kuka KR 120 R2500, proseguirà fino al mese di novembre.

In particolare, nella dimostrazione live la macchina produceva gli elementi del tetto (200 mq) e le strutture di sostegno che compongono l’Elytra Filament Pavilion, prodotti con con uno speciale materiale composito a base di fibra di vetro e di carbonio sviluppato dall’Università di Stoccarda. Senza mai fermarsi e con estrema precisione, il robot Kuka avvolgeva una struttura esagonale con fibre di carbonio e vetro. Gli elementi così ottenuti, rigidi e resistenti, pesano solo nove chilogrammi per metro quadrato.