Renishaw, la produzione additiva per l’industria

by Redazione 0

Evo_Project

Evo_ProjectIn questi giorni alla fiera Euromold (a Francoforte dal 25 al 28 novembre), Renishaw presenta EVO Project,  primo sistema di produzione additiva appositamente sviluppata per l’industria, interamente progettato e ingegnerizzato all’interno dell’azienda, con i suoi 40 anni di esperienza nella fornitura di apparecchiature di alta qualità, adatte alle esigenze delle imprese manifatturiere di tutto il mondo.
La macchina, che pone un forte accento su automazione, tecnologie di monitoraggio e interazione ridotta dell’operatore, è pensata per la produzione industriale di pezzi in uno specifico materiale. I processi di ricircolo e recupero delle polveri avvengono tutti all’interno del sistema in atmosfera inerte, limitando la movimentazione manuale in modo da preservare ulteriormente sia l’utente sia l’integrità del materiale. Il sistema monta un laser ad alta potenza da 500 W, in grado di aumentare la produttività e mantenere invariate precisione e finitura superficiale. La macchina vanta anche un sistema di filtraggio ad alta capacità, che la pone ai vertici del settore e un flusso di lavorazione intelligente, per ridurre ulteriormente gli interventi da parte dell’operatore. L’interfaccia utente da 19 pollici completa l’offerta in termini di ergonomia e fruibilità.
Con la sua peculiarità di alta produttività monomateriale, la nuova macchina affianca l’attuale sistema AM250, più adatto per produzione flessibile e applicazioni di ricerca, tutte situazioni in cui si richiedono continui cambi di materiale: il sistema dispone infatti un sistema di contenitori della polvere intercambiabili per essere in grado di lavorare con diversi materiali. Anche AM250 è in continuo sviluppo, come dimostra la presentazione in fiera del pacchetto di aggiornamento PlusPac, un’evoluzione che riguarda l’illuminazione della camera, il ricircolo dei gas e il sistema di filtraggio.