Regione Toscana: credito a tasso zero per gli investimenti in nuove tecnologie

by redazione 0

ThinkstockPhotos-805233212

La Regione Toscana ha promosso due bandi a supporto degli investimenti delle MPMI, al fine di garantire una maggiore copertura finanziaria nel caso di progetti che prevedono investimenti in tecnologie digitali per la cosiddetta Industria 4.0. Dalle ore 9.00 del 10 luglio è possibile presentare domanda per le agevolazioni che prevedono fondi, oltre che per gli investimenti delle micro, piccole e medie imprese, anche per i liberi professionisti.

Azione 311 Sub Azione a2).  Il bando prevede un microcredito a tasso zero per investimenti in attività artigianali, industriali manifatturiere, settore del turismo, commercio, cultura e terziario. I progetti ammissibili sono quelli relativi ad acquisti in attivi materiali ed immateriali finalizzati a: ampliamento di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione, trasformazione radicale del processo produttivo. Gli investimenti dovranno riferirsi ad ambiti tecnologici: ICT e Fotonica, Fabbrica Intelligente, Chimica e Nanotecnologie. I progetti dovranno essere realizzati entro 12 mesi dalla concessione.

Valore totale ammissibile: compreso tra € 10.000 ed € 40.000.

Forma di agevolazione:  microcredito a tasso zero, non supportato da garanzie personali e patrimoniali fino alla misura del 55% del costo totale degli investimenti (rispettando il minimale ed il massimale) – max finanziamento 25.000 euro.

Disponibilità agevolazioni: fino ad esaurimento dei fondi.

Azione 311 Sub Azione a1).  Il bando prevede un prestito a tasso zero per gli investimenti delle PMI artigiane, industriali, manifatturiere, del settore turistico, commercio , cultura e terziario per sostenere gli investimenti in macchinari, impianti, beni intangibili di accompagnamento nei processi di riorganizzazione e ristrutturazione in linea con la strategia della specializzazione intelligente. I progetti ammissibili sono quelli relativi ad acquisti in attivi materiali ed immateriali finalizzati a: ampliamento di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione, trasformazione radicale del processo produttivo. Gli investimenti dovranno riferirsi ad ambiti tecnologici: ICT e Fotonica, Fabbrica Intelligente, Chimica e Nanotecnologie.

Valore totale ammissibile: tra 40.000 e  200.000 euro.

Forma di agevolazione:  finanziamento a tasso zero  nella misura del 50% del costo totale degli investimenti ammissibili in RIS 3, il 60% del costo totale ammissibile sui beni materiali strumentali nuovi (allegato A), del 70% costo totale ammissibile beni materiali strumentali nuovi e beni immateriali (allegati A e B) qualora i beni di cui all’allegato B si riferiscono a beni nuovi di cui all’allegato A,  del 60%  del costo totale ammissibile sugli investimenti di beni strumentali nuovi e immateriali così come individuati negli allegati A e B qualora i beni di cui all’allegato B si riferiscono a sistemi di produzione esistenti. Le opere murarie sono considerate al 50%.

Disponibilità agevolazioni: fino ad esaurimento dei fondi.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito regione.toscana.it.