Progettare in 3D con il machine learning

by Redazione 0

autodesk_a360

La progettazione CAD 3D è ormai una parte fondamentale del processo di produzione di componenti, da quelli più comuni ai pezzi complessi per applicazioni aerospaziali o meccaniche. Il che comporta l’ottimizzazione di tutte le attività che stanno a monte e a valle del disegno al computer.

APPRENDIMENTO AUTOMATICO. Autodesk si sta muovendo in questa direzione con Design Graph, un nuovo sistema di machine learning (apprendimento automatico) integrato in Autodesk A360 che utilizza algoritmi per estrarre un grande numero di dati progettuali 3D. “Questo sistema – spiega la sofware house – categorizza ogni singolo componente e progetto creato dal team di progettazione in modo da creare un catalogo ‘vivente’ che si adatta ad un mondo in continua evoluzione”.
Il punto di partenza è una domanda che si sono posti gli sviluppatori di Autodesk: “esiste un modo migliore per organizzare tutte le informazioni di un progetto in modo tale da sviluppare le idee e le creazioni in modo più organico?”. Il modello immaginato è una sorta di motore di ricerca per modelli 3D.

RICERCA INTELLIGENTE. Con Design Graph, parte della piattaforma di progettazione e collaborazione basata su cloud A360 di Autodesk, progettisti e ingegneri possono eseguire una ricerca tra tutti i loro file relativi a una tipologia di componente, come ad esempio un bullone o la sella di una bicicletta, lasciando al sistema il compito di individuare centinaia di opzioni.
L’obiettivo – spiega l’azienda – è insegnare ai computer a identificare e comprendere i progetti in base alle loro caratteristiche intrinseche come forma e struttura, invece che in base a tag o metadati, che potrebbero essere inseriti in decine di modi diversi, utilizzando parole intere o abbreviazioni. Con Design Graph, invece, il computer utilizza le proprie osservazioni sulle geometrie 3D contenute in ciascun modello 3D.

COME FUNZIONA? Prendiamo ad esempio la progettazione di un ingranaggio. Lavorando in ambiente cloud A360, si può utilizzare Design Graph per fare una ricerca in base al nome, alla forma, alla categoria, alle proprietà o a una combinazione di tutti questi elementi, per trovare un progetto pre-esistente tra i file archiviati, che possa aiutarci nel nostro lavoro. I progetti identici appariranno come unico oggetto, mentre le piccole variazioni verranno visualizzate come progetti separati, ed è possibile vedere quanto frequentemente sono stati utilizzati. Una volta trovato ciò che serve, è sufficiente trascinarlo nel progetto, senza dover effettuare una ricerca nel nostro catalogo o peggio ancora dover partire da zero.

“Il machine learning e l’intelligenza artificiale stanno iniziando a comparire nella nostra vita quotidiana ma questa è la prima applicazione nella progettazione industriale e in quella meccanica – commenta Mike Haley, Sr. Director of Machine Intelligence di Autodesk -, Questo è solo il primo passo per Autodesk nello sfruttare questa potente tecnologia per innovare e potenziare il processo di progettazione. Ma le promesse sono immense e ci aspettiamo altri numerosi benefici derivanti dall’utilizzo di sistemi di machine learning”.