Politecnico di Milano, Deloitte e PoliHub premiano le migliori tecnologie e idee imprenditoriali

by redazione 0

s2p
Presentati più di 200 progetti, coinvolti più di 500 innovatori


Il 19 settembre, presso la Deloitte Greenhouse di via Tortona a Milano, sono state proclamate e premiate le 15 idee vincitrici di Switch2Product – Innovation Challenge, l’Innovation Challenge nata dalla collaborazione tra Politecnico di Milano, Deloitte e PoliHub con l’obiettivo di rafforzare la valorizzazione delle tecnologie nate dalla ricerca, sviluppare nuova imprenditorialità e promuovere soluzioni innovative di business.
I progetti selezionati abbracciano diversi settori di sviluppo innovativo: dalle Environmental & Green Technologies all’Industrial Manufacturing, dall’ICT al MedTech, dall’IoT agli Smart Products.
Segue l’elenco dei 15 team vincitori divisi per categoria.
Per la categoria Nuove Tecnologie:
– Materiali Leggeri: una nuova tecnologia per la realizzazione di materiali ad avanzate prestazioni di leggerezza, resistenza e conducibilità elettrica, basati su un cuore di fibre naturali rivestito di elementi di carbonio funzionalizzato, per applicazioni in svariati settori manifatturieri (aviazione, automotive, energie rinnovabili)
– Phononic Vibes: una soluzione innovativa per il drastico abbattimento delle vibrazioni meccaniche e del rumore, attraverso l’impiego di micro e macro strutture periodiche, che trova applicazione nei settori delle infrastrutture e delle costruzioni
– MINIRES: un nuovo bioelastomero peptidico, caratterizzato da eccezionali proprietà elastomeriche, di semplice struttura chimica, facile da produrre a bassi costi, per applicazioni in svariati ambiti, tra cui quelli cosmetico e biomedicale
– Dirty Sensing: un innovativo sensore miniaturizzato per il monitoraggio in tempo reale dello sporcamento chimico (calcare) e biologico (biofilm batterico) di tubazioni e serbatoi, con applicazione in diversi settori, quali reti idriche, elettrodomestici e impianti industriali
– Shear’n’Delivery: un dispositivo innovativo studiato per aumentare la tollerabilità dei trattamenti chemioterapici, basato su una tecnica fluidodinamica che consente di incapsulare farmaci all’interno dei globuli rossi del paziente in maniera semplice ed efficiente
Per la categoria Nuovi modelli di business:
– Smart Neighborhood: un “vicinato” energeticamente autosufficiente basato sullo “sharing” di accumulatori centralizzati e sulla creazione di una social energy community
– JIT 5.0 – After Sales just-in-time 5.0: un modello di assistenza evoluto, scalabile e multi-cliente che guidi le imprese verso una graduale automazione dei processi post-vendita, con tecnologie 4.0
– AGROMI – Abroad Business Development made easy: uno “Smart Market place” che supporta le PMI Italiane del Food & Beverage in tutti le attività “core” per lo sviluppo del business estero
– Green Coin: una piattaforma digitale che ha l’obiettivo di stimolare la sensibilità dei cittadini e delle aziende verso un comportamento sostenibile
– LIFELINE: consente il monitoraggio continuo dei parametri vitali dell’utente finale, apprendendo da molteplici canali e fonti dati, migliorando con l’utilizzo la sua accuratezza
Per la categoria Idee Imprenditoriali:
– DockerCap: un orchestratore di potenza per Docker container (un contenitore di applicazioni software) che minimizza il consumo di potenza nel rispetto dei vincoli di performance prefissati, in grado di rendere più efficiente il mondo delle applicazioni cloud
– Chimera: un dispositivo brevettato che misura la struttura molecolare attraverso innovative tecniche spettroscopiche, applicabili al mondo pharma e ad altri settori industriali (quali food & environment)
– MOAB: un mini bioreattore, otticamente accessibile, per la coltura cellulare 3D finalizzata alla sperimentazione preclinica di farmaci in modo semplice, versatile ed economico
– Hypnosis: un sistema “studio‐fabbrica digitale”, che consente la realizzazione di forme costruttive avanzate, per abilitare l’architettura del futuro;
– Swimfit: un costume sensorizzato per il monitoraggio dei parametri biometrici e prestazionali del nuotatore, collegati a funzionalità evolute di gestione di allenamenti, classifiche e sfide
Premio
I 15 team vincitori saranno ammessi al Programma di Accelerazione, che partirà nelle prossime settimane e sarà finalizzato alla realizzazione del proprio progetto di innovazione che include il
consolidamento delle competenze di team, la prototipazione e lo sviluppo della soluzione, la strategia per l’ingresso nel mercato e il contatto con i fondi di investimento, nonché il test del modello di business.
In particolare le 5 nuove tecnologie selezionate dal Politecnico di Milano riceveranno un supporto economico complessivo di 150.000 euro, per un massimo di 30.000 euro a team, per la loro prima prototipazione e validazione in campo.
L’ammontare dei finanziamenti che saranno concessi da Deloitte ai progetti vincitori della categoria Nuovi Modelli di business, sarà, invece, definito al termine del Programma di Accelerazione in base all’attrattività di mercato raggiunta dagli stessi.
Tutti i progetti vincitori avranno inoltre la possibilità di essere supportati nella promozione e divulgazione delle loro idee verso stampa specializzata, industrial partners e investitori e potranno accedere a spazi comuni, servizi e facilities presso PoliHub per la durata del percorso di accelerazione.
Il programma di accelerazione è realizzato da PoliHub in collaborazione con il Technology Transfer Office e la Business School-MIP del Politecnico di Milano, e con il supporto dei professionisti Deloitte.
Le tappe del programma S2P
– Switch2Product Innovation Challenge è il programma ideato da PoliHub, l’Innovation District & Startup Accelerator della Fondazione Politecnico di Milano, che valorizza le nuove idee tecnologiche e di business di studenti, ricercatori e docenti dell’Ateneo. Per questa IX edizione ha cambiato completamente veste, arricchendosi del percorso di sviluppo tecnologico realizzato dal Technology Transfer Office del Politecnico di Milano e del format “Innovation Challenge” di Officine Innovazione di Deloitte e delle idee dei professionisti Deloitte.
Inoltre, per garantire la contaminazione delle idee i partner hanno creato un nuovo format di lab, il Warm Up Lab, volto alla creazione di team misti costituti sia da ricercatori e studenti del Politecnico sia da professionisti di Deloitte.
L’edizione 2017, a valle di 539 manifestazioni di interesse, ha raccolto 204 candidature ammesse con un aumento del numero di idee raccolte pari al 136% rispetto all’edizione 2016.
Le migliori 64 idee selezionate nella prima fase hanno avuto accesso al Workshop Idea Development & Pitch, workshop che ha aiutato i team proponenti a strutturare una presentazione efficace della propria idea innovativa.
I progetti hanno poi affrontato un’ulteriore selezione, passando da 64 a 27 (finalisti) e questi ultimi hanno avuto accesso all’Innovation Boost Program, il percorso a quattro tappe di empowerment tecnologico e imprenditoriale progettato su misura per valorizzare il potenziale innovativo e di business delle idee e definire un concreto piano di sviluppo.Fra i 27 finalisti sono poi stati selezionati 15 progetti vincitori, 5 per ogni categoria.
Alla serata di premiazione hanno preso parte Enrico Ciai, CEO, Deloitte Italia, Ferruccio Resta, Rettore, Politecnico di Milano, Stefano Mainetti, CEO, PoliHub, Andrea Poggi, Strategy & Innovation Leader, Deloitte Italia, Roberto Tiezzi, Head of Technology Transfer Office, Politecnico di Milano, oltre a tutti i 27 team finalisti, la giuria composta da importanti referenti del settore industriale, business angel eventure capitalist, e invitati speciali.
“In un momento positivo per la città di Milano, quando finalmente si intravedono segnali positivi e di ripresa, il Politecnico di Milano intende fare la sua parte – ha affermato Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano.
Vogliamo dare il nostro contributo come motore del cambiamento, aprire le porte dei dipartimenti alle imprese, mettere l’innovazione al centro. Il successo di una competizione come S2P mi convince che la strada imboccata sia quella giusta.
Mai come in questa edizione i progetti imprenditoriali e le innovazioni sono pensati a beneficio delle imprese e rivolti a settori chiave per lo sviluppo, dall’industria 4.0 alle scienze della vita. Un
messaggio positivo che sono felice arrivi dai giovani imprenditori: la loro voglia di rimettere in moto il sistema è il miglior segnale di un risveglio tanto atteso. Tocca ora a PoliHub cogliere questa sfida, valorizzare la qualità delle invenzioni e tradurle in un concreto valore imprenditoriale e di mercato.”
Andrea Poggi, Innovation Leader di Deloitte dichiara: “Abbiamo creduto fortemente nella collaborazione tra Deloitte, Politecnico e PoliHub convinti della grande opportunità di poter fornire soluzioni innovative per l’industria e l’imprenditoria italiana. Deloitte ha messo in campo alcune delle sue competenze e asset distintivi, quali gli skill dei professionisti dell’innovazione, la forte conoscenza di mercato e di business, le metodologie e i lab sviluppati da Officine Innovazione e la Deloitte Greenhouse – luogo fisico costruito per facilitare i processi d’innovazione e sede, tra gli altri, dell’evento conclusivo di questa competizione. Inoltre, per l’occasione, abbiamo creato con i nostri partner un nuovo format di lab: il Warm Up Lab, al fine di al fine di garantire la contaminazione all’interno dei team e ottenere da questo mix di competenze soluzioni innovative uniche e concrete. Grazie a quest’impegno i risultati della challenge sono estremamente positivi in termini di qualità e quantità della partecipazione e del grado di innovatività raggiunto, per cui ci avviamo nella successiva e distintiva fase di accelerazione.