Parte da EOS l’evoluzione della manifattura additiva

by Redazione 0

eos_reparto_730

Il futuro della manifattura additiva vedrà il passaggio dai laboratori ai reparti di produzione, dove le stampanti 3D si affiancheranno e si integreranno con gli impianti esistenti. Futuro per altro non lontano, come si è visto all’ultima edizione del salone Formnext di Francoforte, dove sono state presentate soluzioni hardware e software pensate per la produzione di serie e non solo prototipale.

eosprint_730In quest’ottica, EOS ha presentato in fiera alcune novità, tra cui un concept di EOS Shared Modules, il software di produzione integrato Eosprint 2.0, nonché Eostate Exposure per il monitoraggio in tempo reale del processo di produzione. “L’obiettivo è quello di integrare la tecnologia AM in modo attento ed efficiente nelle linee di produzione esistenti e future – spiega Tobias Abeln, Chief Technical Officer (CTO) di EOS -. I nostri clienti operano in un contesto in cui qualità dei componenti e dei prodotti, scalabilità, automazione e TCO sono fondamentali. Con le nostre soluzioni li aiutiamo a rispondere a queste sfide e ci assicuriamo che siano in grado di sfruttare al meglio la stampa 3D industriale”.

PRODUZIONE INTEGRATA. Insieme al nuovo sistema a quattro laser ad alta produttività EOS M 400-4 per la produzione di componenti metallici su scala industriale, EOS ha presentato per la prima volta a Formnext un concept di Shared Modules, soluzione modulare flessibile e scalabile per integrare la produzione DMLS (Direct Metal Laser Sintering, sinterizzazione laser diretta di metalli) nelle infrastrutture tradizionali. Moduli automatizzati e componenti per la logistica consentono l’applicazione su diversi sistemi della famiglia EOS M 400: in questo modo, tutte le attività di installazione, disimballaggio, trasporto e analisi possono procedere in modo indipendente e parallelamente al processo di creazione. Secondo l’azienda, questa soluzione potrà soddisfare le necessità attuali e futuri delle aziende, alcune delle quali – selezionate tra le più esigenti in termini di requisiti – stanno già utilizzando alcuni componenti di EOS Shared Modules.

DALL’IDEA AL PRODOTTO FINITO. Eosprint 2.0 è un ambiente CAM AM completo, studiato per i progettisti che vogliono trarre il massimo dall’Additive Manufacturing, velocizzando il percorso tra progettazione e produzione. EOS ha integrato nell’ultimo aggiornamento del programma numerosi miglioramenti per rendere più semplici le fasi iniziali del processo di Additive Manufacturing e la produttività. Gli sviluppatori più esperti possono anche sfruttare i vantaggi del nuovo modulo EOS ParameterEditor, incluso nel pacchetto, per sviluppare nuove strategie di esposizione, grazie ad una maggiore libertà di ottimizzazione dei parametri per specifiche applicazioni.

eostateCOMPATIBILE SIEMENS E AUTODESK. EOS collabora inoltre con Siemens e Autodesk per garantire una migliore esperienza d’uso di Eosprint. Con Eosprint per Siemens NX è possibile integrare il software CAM nel principale strumento CAD di Siemens, così da poter lavorare in un ambiente familiare. Grazie a questa integrazione, gli utenti hanno a disposizione un ambiente efficiente in cui sperimentare e affinare le proprie idee prima di dare inizio al processo di creazione AM. Gli utenti di Autodesk Netfabb 2017 possono ora selezionare i sistemi EOS per la preparazione dei dati in Workspace Manager e inviare i progetti ai sistemi EOS tramite l’interfaccia EOS OpenJob di Eosprint. Inoltre, per la simulazione del processo di creazione AM con polveri di metallo, gli utenti di Netfabb possono selezionare e utilizzare direttamente i valori corrispondenti per i materiali EOS.

MONITORAGGIO OLISTICO. EOS ha anche aggiornato la soluzione software per il controllo di qualità e lo sviluppo di processi di stampa 3D Eostate Monitoring Suite aggiungendo il nuovo strumento Exposure, che abbinato ad una speciale videocamera consente il monitoraggio intelligente e in tempo reale dei processi di creazione AM, consentendo l’analisi del comportamento del melting pool. Gli indicatori forniscono feedback sulle origini degli errori, che possono essere monitorati automaticamente e valutati dall’utente. In questo modo, è possibile valutarein ogni momento la qualità dei prodotti e assicurarsi che rimanga elevata. Eostate Exposure va a integrare la soluzione di monitoraggio Eostate MeltPool, già disponibile nella suite dedicata alle aziende che devono rispondere a severi requisiti in tema di controllo qualità, come quelle che operano nei settori aerospaziale, medico e automotive.