Next47 per favorire startup e idee creative

by Redazione 0

sioemesn_fabbrica_digitale

next47Siemens ha messo sul piatto un miliardo di euro in cinque anni per favorire lo sviluppo di start-up e idee innovative che possano portare nuovo business al gruppo. A questo scopo sta creando una nuova unità separata, next47, a cui verrà affidato il compito di incubare le idee più dirompenti e capaci di accelerare lo sviluppo delle nuove tecnologie.

Il nome non è stato scelto a caso: è un riferimento celebrativo alla data di fondazione di Siemens, avvenuta nel 1847, e punta a trasmettere ai giovani startupper la fiducia a credere nel proprio “1847”.

“Anche Siemens è partita come una startup, fondata in uno dei tanti retrobottega di Berlino – commenta Joe Kaeser, Presidente e CEO di Siemens AG -. Con next47 riviviamo gli ideali del nostro fondatore e creiamo una solida base per favorire l’innovazione e il continuo sviluppo di Siemens.”

A testimoniare il ruolo centrale del progetto nell’ambito delle attività di ricerca del gruppo tedesco, alla guida di next47 è stato chiamato Siegfried Russwurm, Chief Technology Officer di Siemens: “Avremo la libertà di sperimentare e crescere senza dover fare i conti con le restrizioni dovute alla complessa struttura organizzativa della grande multinazionale – spiega Russwurm -. La nostra nuova unità seguirà rigorosamente la strategia Siemens e ci consentirà di sviluppare idee disruptive per le nostre aree di business fondamentali: elettrificazione, automazione e digitalizzazione”.

Pur godendo della necesaria indipendenza, next47 potrà usufruire dei vantaggi offerti da un grande gruppo multinazionale. Avrà uffici a Berkeley, Shanghai e Monaco, dai quali gestirà le proprie attività in tutti i Paesi del mondo. Partirà coordinando le attività delle startup già attive, di quelle esterne e di tutte le aziende “intenzionate a sviluppare idee di business nei campi d’innovazione strategici per Siemens”.

Il primo progetto di next4 , ha come tema centrale l’elettrificazione dell’aviazione, in base all’accordo siglato in aprile con Airbus. Le due aziende vogliono dimostrare entro il 2020 la fattibilità tecnica dei sistemi di propulsione ibrida/elettrica per piccoli velivoli fino ad aerei passeggeri di medie dimensioni. Altri importanti campi di innovazione includeranno l’intelligenza artificiale, le macchine autonome, l’elettrificazione decentralizzata e la mobilità interconnessa.