Mondo accademico e distribuzione insieme per Industria 4.0

by redazione 0

4051_dwl_img1

A pochi giorni dall’approvazione del Piano nazionale per l’Industry 4.0 da parte del Governo, è stato presentato il 13 ottobre all’Università degli Studi di Napoli Federico II il primo caso italiano di collaborazione fra mercato della distribuzione e mondo accademico per la formazione dei professionisti del settore automazione. Il progetto prevede un percorso di alta formazione “Innovazione nella produzione industriale”, dedicato ai professionisti del settore automazione, che partirà oggi 21 ottobre.

Nato da un’idea di Sonepar Italia, azienda attiva nella distribuzione di materiale elettrico e componenti per l’automazione, sostenuto dal Dipartimento di Ingegneria dei Materiali dell’Università Federico II, il corso rappresenta un primo caso concreto di risposta a un mercato in continua evoluzione, che richiede figure altamente specializzate capaci di stare al passo con le tecnologie, le applicazioni e i sistemi avanzati di produzione industriale.

FORMAZIONE. Il percorso, della durata di 120 ore, suddivise in quattro moduli con formula week-end, è realizzato in collaborazione con i partner Schneider e Siemens, che terranno all’interno delle sessioni alcune lezioni dedicate ai sistemi di produzione industriale. Al termine delle lezioni, i partecipanti, previo esame finale, riceveranno un diploma che attesta il superamento del corso. Il corso di formazione ha già attirato l’attenzione di un centinaio di professionisti e di tutto il team automazione e forze vendita dell’Area Centro-Sud di Sonepar Italia.

Attiva nella distribuzione di materiale elettrico, Sonepar Italia conta oltre 1.200 dipendenti. È Presente in Campania con 11 punti vendita, frutto dell’acquisizione del gruppo Cangiano, azienda storica in Campania e Basilicata nella  distribuzione di materiale elettrico, illuminotecnico e fotovoltaico. La società italiana fa parte de gruppo francese Sonepar, forte di oltre 20 miliardi di euro di fatturato, 2.800 filiali in 44 Paesi e 43.000 collaboratori.