Mini robot che autoapprendono attraverso una telecamera

by redazione 0

A-Robot-for-the-Every-Factory_hero

E’ ormai più di una certezza: i robot hanno cambiato la concezione di industria in modo radicale. Ma in che misura? L’introduzione di robot e cobot – macchine collaborative a uso industriale, e non solo – ha permesso un’ottimizzazione della produzione ma solo su larga scala.

Ma, neanche a dirlo, in ogni fabbrica e a ciascun livello, esistono azioni ripetitive che i robot, se più economici e più facili all’uso, potrebbero svolgere in tutta sicurezza e con ottimi risultati in termini di produttività.

Nuovi robot collaborativi. E’ questo il pensiero che ha spinto Rodney Brooks – fondatore di iRobot, azienda inglese produttrice di robot domestici – ad avviare Rethink Robotics nel 2008. Solo quattro anni più tardi il robot “con lo sguardo umano” “Baxter” ha fatto il suo ingresso sul mercato.

Con un costo di soli 25.000 $, Baxter ha dimostrato di essere in grado di svolgere azioni meccaniche, spostare e prendere oggetti senza disporre di una programmazione specifica (e a volte difficile da eseguire per l’utente) per ogni singola azione.

Date le sue dimensioni poco modeste, questo robot non è in grado di compiere azioni che richiedano una particolare precisione. Per sopperire a questa necessità, l’azienda ha progettato “Sawyer”, un robot dalle dimensioni più contenute in grado di svolgere lavori particolarmente delicati.

Programmazione semplice per lavori di precisione. Con solo 19 chili di peso e un singolo braccio meccanico, Sawyer è dotato di molle a S di nuova concezione ed è in grado di afferrare, spostare e maneggiare oggetti con una maggiore sensibilità ed elasticità. La presenza di una telecamera integrata nel braccio ha lo scopo di individuare gli oggetti e le persone intorno per assicurare la massima sicurezza durante lo svolgimenti delle azioni.

Inoltre, è lo strumento attraverso il quale il robot “osserva” i movimenti umani per poi replicarli. La telecamera infatti segue i movimenti mostrati dall’utente e, assegnando dei codici alle diverse operazioni, è possibile “insegnare” a Sawyer nuove azioni da svolgere senza l’utilizzo di complicati software e ottimizzando tempi e costi di produzione.