Manutelligence: ecco come il Politecnico di Milano integra PLM e IoT

by redazione 0

Screenshot (4)

Creare una piattaforma IT collaborativa e modulare per supportare le imprese nello sviluppo di prodotti intelligenti e di servizi ad esso integrati. Questo lo scopo di Manutelligence, il progetto Horizon2020 del Politecnico di Milano finanziato dall’Unione Europea con 4.2 milioni di euro. La piattaforma sviluppata da Manutelligence integra il ciclo di vita del prodotto con il ciclo di vita del servizio (Product Lifecycle Management (PLM)) e connette i dati raccolti tramite le tecnologie IoT. I dati disponibili permettono di misurare in modo ottimale i fattori di costo e sostenibilità legati al prodotto-servizio attraverso il calcolo del Life Cycle Cost (LCC) e del Life Cycle Assessment (LCA).

L’integrazione della tecnologia IoT nei cosiddetti prodotti intelligenti, infatti, permette di avere accesso a dati e informazioni che prima risultavano difficilmente reperibili. L’accesso a questi dati genera un nuovo tipo di conoscenza perché permette ai progettisti di monitorare e di capire come i prodotti vengano realmente utilizzati dal consumatore.

I dati raccolti sul campo sono ormai un tassello fondamentale per migliorare sia in termini di efficienza che di efficacia la progettazione di un prodotto e di servizi ad esso collegati. Fondamentale diventa la gestione dei dati, affinché essi siano resi disponibili alle persone giuste nel momento giusto, cioè leggibili nel modo più semplice e veloce da chi necessita delle informazioni in essi contenute. Le aziende devono quindi investire in sistemi che permettano l’immagazzinamento e il trattamento dei dati e delle informazioni in un unico sistema. In quest’ottica, i sistemi Product Lifecycle Management (PLM) sono lo strumento più idoneo per affrontare questa sfida.

La conoscenza generata attraverso l’analisi dei dati può essere utilizzata per creare servizi che offrano un valore al cliente. In questo modo i progettisti, non si limiteranno alla sola progettazione di prodotti, ma potranno anche progettare servizi ad esso collegati, in un’ottica che possa condurre fino alla “servitizzazione” completa del prodotto stesso (ad esempio il Car Sharing).

I partner industriali del progetto hanno garantito di poter ottenere risultati davvero spendibili nel mondo industriale. Partendo dai loro fabbisogni, la piattaforma Manutelligence si è sviluppata in modo tale da fornire soluzioni tecnologiche avanzate per il miglioramento della progettazione di prodotti-servizi e per la gestione degli stessi lungo tutto il ciclo di vita.

Manutelligence è partito a febbraio 2015 e sta giungendo al termine di un percorso durato tre anni. Sul sito è possibile consultare i risultati operativi ottenuti (http://www.manutelligence.eu, in particolare nella sezione Deliverables).