L’Italia può vincere, nell’industria 4.0

by Redazione 0

sole24ore

sole24oreFar tornare in Italia l’industria manifatturiera (il cosiddetto reshoring) è l’unica possibilità per rilanciare il lavoro nel Bel Paese, e qualcuno ha già cominciato… in un processo di rimpatrio produttivo, da parte di aziende che avevano delocalizzato la produzione verso Paesi a basso costo del lavoro e che oggi ritornano a produrre nei Paesi avanzati (Stati Uniti in testa).
La possibilità di far rientrare attività in modo stabile, tale da sostenere un nuovo ciclo di crescita sul territorio nazionale, non è utopia… ma è indispensabile una nuova politica industriale, che stimoli l’innovazione della fabbrica (intelligente) e dell’organizzazione aziendale.
L’industria delle tecnologie rappresentate da ANIE (una delle maggiori organizzazioni di categoria confindustriale, che riunisce oltre 1200 aziende del settore elettrotecnico ed elettronico) è in prima linea in questo processo: di questi temi si discuterà alla Assemblea annuale, in programma a Milano il prossimo mercoledì 2 luglio alle ore 11.15 nella sede de Il Sole 24 Ore in via Monte Rosa 91.
Dopo la relazione del presidente Claudio Andrea Gemme, il programma prevede la tavola rotonda “Dal ritorno della manifattura alle sfide tecnologiche dell’industria 4.0. Condizioni e politiche per rendere (ancora) attrattivo il nostro Paese”, moderata da Nicola Porro. Nell’occasione sarà presentato uno studio sul reshoring del manifatturiero realizzato dal prof. Luciano Fratocchi, portavoce del gruppo di ricerca italiano Uni-Club MoRe Back Reshoring.
È stato invitato il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti, e i lavori saranno conclusi da Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. Per partecipare occorre registrarsi qui.