Le sinergie dell’automazione alla II edizione di ONE

by Redazione 0

Immagine building automation

I sistemi automatizzati nell’industria e nell’edilizia sono stati al centro di One il meeting del gruppo Megawatt: una tre giorni di workshop e incontri b2b che ha fatto il punto sulle ultime novità in fatto di automazione industriale e building automation.

In programma dal 2 al 5 giugno a Marina di Lesina (FG), l’edizione 2016 di One ha analizzato il ruolo strategico dell’automazione mettendo in evidenza l’importanza delle relazioni sinergiche nella creazione di sistemi efficienti.

Il futuro dell’automazione sarà segnato dalla capacità di mettere in rete tutti gli operatori del settore” ha dichiarato Andrea Giacco, General Manager Automazione del gruppo Megawatt “E’ un tema centrale che per le aziende del nostro gruppo è già una visione strategica: fare della distribuzione il momento in cui le sinergie diventano soluzioni operative”

One ha proposto un fitto calendario di eventi che ha visto la presenza di esperti del settore, decision maker e rappresentanti del mondo accademico: ben 21 workshop che, mettendo insieme focus teorici e sessioni di approfondimento pratico, hanno offerto una panoramica dettagliata su quelle innovazioni tecnologiche e soluzioni sistemiche che, in fatto di automazione, rappresentano il massimo livello di sviluppo presente sul mercato italiano.

Gli argomenti trattati

La giornata inaugurale ha visto la presentazione di un innovativo sistema di gestione delle infrastrutture tecnologiche degli edifici, realizzato proprio con soluzioni automatizzate d’avanguardia. Tema centrale la presenza crescente dell’automazione industriale nel settore della carpenteria per passare alla presentazione delle più evolute soluzioni in termini di approvvigionamento energetico di emergenza.

A chiudere la prima giornata due appuntamenti dedicati al controllo dell’illuminazione tenuti dall’arch. Laura Bellia, dell’Università di Napoli, e dall’ing. Arturo Covitti, dell’Università di Bari, che sono intervenuti rispettivamente su potenzialità e limiti delle nuove tecnologie e sugli elementi che caratterizzano una buona progettazione.

Si è parlato anche di sicurezza dei sistemi informatici negli impianti produttivi e di intelligenza artificiale per la gestione del comfort negli edifici

Nei successivi interventi l’attenzione si è rivolta ai sistemi di visione artificiale automatizzati e al miglioramento performativo dei controllori logici programmabili compatti. Le relazioni sui vantaggi dei motori sincroni ad alto rendimento e sulla crescente integrazione tra pneumatica e tecnologie elettriche ed elettroniche hanno completato l’ampia panoramica dedicata alle evoluzioni più recenti nel campo dell’automazione industriale.

Anche la seconda giornata si è conclusa con un focus sul rapporto tra building automation e illuminazione con gli interventi dell’arch. Alessandro Grassia, dell’Università di Roma, e dell’arch. Giovanni Multari, dell’Università di Napoli.

Due i progetti di restauro presentati come case history: quello della fontana dell’Esedra a Napoli, esempio di compatibilità tra tecnologie contemporanee e approccio filologico, e quello del grattacielo Pirelli a Milano, esempio di progettualità eco-sostenibile.

Durante la terza giornata si è dibattuto su come robotica, motion e drives stiano rivoluzionando la mobilità nell’automazione dei processi produttivi per passare, poi, a spiegare come la building automation sia ormai sinonimo di efficientamento energetico, grazie all’ottimizzazione dei consumi e all’impiego di lampade intelligenti.

Il calendario dei workshop ha visto il suo epilogo con due interessanti relazioni: quella del lighting designer, Filippo Cannata, che ha raccontato della sua esperienza di progettista della luce, e quella del presidente della sezione napoletana dell’AEIT, Adamo Panzanella, che ha presentato un innovativo progetto per la creazione di una scuola di formazione di progettisti in automazione industriale.

Le aziende protagoniste

Il programma del meeting promosso dal gruppo Megawatt ha trovato ulteriori spunti di interesse nella fitta serie di incontri b2b ospitati nell’area espositiva della manifestazione. Ad esserne protagonisti le principali aziende operanti nel mercato italiano dell’automazione industriale e della building automation che hanno avuto l’occasione di presentare prodotti e soluzioni operative all’interno di corner dedicati.

One si conferma un evento di respiro nazionale” ha dichiarato Antonio Vastarella, Responsabile Marketing e Sviluppo del Gruppo Megawatt “Far dialogare tanti operatori qualificati è un grande risultato che indica con chiarezza l’indirizzo che abbiamo dato al nostro processo di crescita”

One è un evento del gruppo Megawatt promosso dalle aziende Megawatt, Elettrocampania, Electra, Elettrolazio, Cameg, Acmei, Medel, Selime, Alfieri e Cet con la partnership di ABB, Emerson, Eta, IGuzzini, Legrand, Omron, Phoenix Contact, Pneumax, Schneider Electric, Sick e Siemens.