In arrivo due norme UNI su macchine e vibrazioni

by Redazione 0

lavorazioni_meccaniche-generiche

Sono in fase di inchiesta pubblica preliminare, fino al 14 marzo 2016, due recenti norme ISO che riguardano le vibrazioni di macchinari industriali, recepite a fine febbraio dalla Commissione Acustica e vibrazioni di UNI.

MONITORAGGIO E DIAGNOSTICA. Lo stato vibrazionale di una macchina può essere monitorato mediante misurazioni delle vibrazioni su un cuscinetto o su una struttura di supporto o mediante misurazioni delle vibrazioni di elementi rotanti della macchina, fa sapere l’Ente di unificazione. Nel progetto UNI1601544 “Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine – Monitoraggio dello stato vibrazionale – Parte 2: Elaborazione, analisi e presentazione” (adozione ISO 13373-2:2016) viene fornita una guida per le modalità di misurazione continue e discontinue. Il documento riporta le linee guida generali per le attività di misurazione e di raccolta di dati sulle vibrazioni di macchine, ai fini del monitoraggio del loro stato. La norma – di interesse del SC 2/GL 4 “Diagnostica su elementi rotanti” (Gruppo misto Acustica e Vibrazioni/Manutenzione) – è indirizzata a promuovere la coerenza di procedure e di prassi di misurazione.

lavorazioni_meccaniche-genericheVIBRAZIONI E URTI AL FREDDO. Il secondo progetto UNI1601583 (adozione ISO 14835-1:2016), di competenza del SC 2/GL 1 “Vibrazioni trasmesse all’uomo”, porta il titolo: “Vibrazioni meccaniche e urti – Test di provocazione al freddo per la valutazione della funzione vascolare periferica – Parte 1: Misura e valutazione della temperatura cutanea delle dita”. La norma specifica i metodi di misura della temperatura cutanea sulle dita (finger skin temperature FST); il procedimento di esecuzione delle misure (compresa l’esecuzione del test di provocazione al freddo); le modalità di presentazione dei risultati delle misure. La norma sostituisce la UNI ISO 14835-1:2010. I metodi specificati nella norma hanno lo scopo di fornire assistenza nella raccolta dei dati di base per una valutazione quantitativa della risposta vascolare a uno stimolo freddo e a rendere possibile la presentazione di valori numerici normativi di riferimento.

Fonte: UNI