Fatturato e ordinativi in rosso a marzo

by Redazione 0

molle

fatt_ord_mar_2016L’Istat ha comunicato oggi i dati sull’andamento di fatturato e ordinativi dell’industria nel mese di marzo; dati che mostrano una brusca frenata rispetto ad un trend di medio periodo relativamente positivo, pur altalenante.

In particolare, nei confronti del mese precedente, il fatturato ha registrato un calo dell’1,6% e gli ordinativi del 3,3%: nel primo caso si tratta di una sintesi tra la flessione del 2,6% sul mercato interno e un lieve incremento (+0,1%) su quello estero. La caduta degli ordinativi non mostra invece segno alterno passando dal mercato interno (-1,5%) a quello estero (-5,8%).

Se si guarda a marzo 2015, a parità di giorni lavorativi, il fatturato mostra una contrazione del 3,6%, con un calo del 4,4% sul mercato interno e del 2,2% su quello estero. L’incremento tendenziale più marcato si registra nella fabbricazione di computer e prodotti di elettronica (+6,5%), bene anche mezzi di trasporto (+5,1%), mentre il settore della metallurgia e prodotti in metallo perde il 9,4% e la fabbricazione di macchinari e attrezzature chiude a -2,7%. La maggiore diminuzione in assoluto, per quanto concerne il comparto manifatturiero, si rileva nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-22,4%).

Gli ordinativi totali dell’industria, anno su anno, mostrano una sostanziale stabilità (+0,1%), con l’incremento più rilevante registrato nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+30,7%), mentre la flessione maggiore ha interessato, questa volta, proprio il comparto della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-13,2%). Negativo anche l’andamento degli ordinativi, rispetto a marzo 2015, di macchine utensili e attrezzature (-6,9%).