Fanuc, quarto stabilimento in Giappone

by Redazione 0

fanuc

fanucLa Fanuc Corporation ha avviato le pratiche per l’acquisizione di un terreno situato in Giappone, dove intende costruire un nuovo stabilimento per la produzione di CNC, servo motori e servo amplificatori e per la ricerca tecnologica.
Il terreno è conosciuto come Mibu-Hanyuda Industrial Park e si trova nella Prefettura di Tochigi (nel Kantō, a nord di Tōkyō): ha un’estensione totale di 695 mila mq di cui nella prima fase della trattativa sono stati già attribuiti a Fanuc circa la metà, 377 mila. Il piano di sviluppo comprende la costruzione di un nuovo stabilimento produttivo che andrà a supportare l’attività della multinazionale giapponese, che oltre al quartier generale di Oshino-mura (ai piedi del Monte Fuji, nella Prefettura di Yamanashi) vanta in patria altre 2 fabbriche, a Tsukuba (Chikusei-shi, Prefettura di Ibaraki) e Hayato (Kirishima-shi, Prefettura di Kagoshima). Il termine dei lavori di costruzione del polo industriale di Mibu è previsto per ottobre 2016. L’investimento di 100 miliardi di yen vedrà sorgere 4 edifici per la produzione dei componenti Fanuc (con linee interamente robotizzate) e la logistica: si prevede che a regime a Mibu verranno prodotti ogni mese 10 mila CNC, 60 mila servo motori e 35 mila servo amplificatori.
A beneficiare dell’espansione sarà anche la ricerca, da sempre il fiore all’occhiello dell’esperienza Fanuc: a Mibu troveranno spazio nuovi laboratori che affiancheranno l’operato del dipartimento R & D di Oshino-mura, 66 mila mq interamente dedicati all’innovazione tecnologica e alla ricerca delle migliori soluzioni in termini di prestazioni, precisione e affidabilità.
Con questo importante investimento, Fanuc conferma di essere una tra le maggiori aziende nell’ambito dell’automazione industriale e della robotica, con una tendenza alla crescita e al miglioramento costanti, a vantaggio del cliente.