Energie rinnovabili, ricerca italiana è sesta al mondo

by Redazione 0

11

11La ricerca scientifica italiana nel settore delle energie rinnovabili risulta sesta al mondo, superata solo da Cina, Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Australia. È quanto segnalato dal 1° Rapporto sulla produzione scientifica nelle energie rinnovabili dell’Osservatorio Nazionale di ISES Italia, l’associazione tecnico-scientifica non profit più longeva per la promozione delle fonti energetiche rinnovabili nel nostro Paese.
Nel confronto internazionale, l’analisi ha preso in esame 154 Paesi e confrontato la loro produzione scientifica elaborando un indice rappresentativo per l’anno 2014. Questo IGP (Index Green Paper) Index sintetizza tre fattori: il numero delle riviste internazionali più utilizzate dalla comunità scientifica (IGP riv), la nazionalità dei ricercatori affiliati alle pubblicazioni (IGP aff) e l’impatto scientifico come numero di citazioni e qualità della pubblicazione (IGP cit). Analizzando separatamente questi stessi fattori, l’Italia risulta sesta nel primo e nell’ultimo caso, oltre che decima nell’IGP aff.
“L’IGP Index elaborato dal nostro Osservatorio è lo strumento che mancava per comprendere definitivamente quanto la ricerca scientifica italiana riesca a essere un’eccellenza nel mondo nonostante il poco sostegno che riceve a livello pubblico, la pesante crisi economica del sistema privato e la conseguente ‘fuga dei cervelli’ all’estero”, ha dichiarato il presidente Umberto Di Matteo di ISES Italia. “Le energie rinnovabili e le tecnologie per la green economy sono la risposta, l’elemento che può invertire la rotta, perché uniscono l’alto valore scientifico con il grandissimo potenziale per l’economia nazionale”.