Elesa, ad EMO con la nuova gamma di elementi antivibranti

by redazione 0

Pezzi meccanici

La recente partecipazione di Elesa a EMO, fiera leader del settore delle macchine utensili di Hannover, è stata un’importante occasione per mettere in mostra la vasta gamma di componenti Made in Italy a servizio di macchinari e attrezzature.

Luci puntate sulla gamma degli antivibranti, elementi particolarmente indicati in impieghi per movimenti rotatori, oscillatori e lineari, anche in ambienti sfavorevoli, in presenza di acqua o umidità, di polveri sottili, sporco, fibre tessili e residui di lavorazione.

Studiati per smorzare le vibrazioni, questi componenti svolgono un ruolo importante per il buon funzionamento delle macchine e la salute dei lavoratori, con l’obiettivo sia di prevenire eventuali danni ai macchinari, contribuendo a mantenerli in buono stato di funzionamento, sia di aumentare la tutela dell’operatore, esposto ai rumori e alle vibrazioni.

La collocazione degli elementi vibranti può variare a seconda delle esigenze: tra la fonte meccanica delle vibrazioni e l’ancoraggio al terreno, per ridurre sensibilmente le vibrazioni oltre al rumore provocato; posti direttamente sotto alla sorgente della vibrazione per impedirne la propagazione all’ambiente circostante; oppure, utilizzati come basamento per strutture a rischio vibrazioni per separare la struttura dall’ambiente.

Realizzati in gomma naturale NR, durezze 40, 50, 60 o 70, in combinazione con inserti filettati in acciaio zincato o acciaio INOX AISI 304, gli antivibranti sono oggi disponibili in un’ampia gamma di forme e dimensioni.

Oltre alla serie con forma cilindrica (DVA.1, DVA.2, DVA.3, DVA.4, DVA.5) o parabolica (DVA.6 e DVA.7), Elesa ha recentemente introdotto nuove soluzioni a forma conica, a clessidra, indicate per lo smorzamento degli urti anche laterali, e a campana, ideali per il montaggio su macchine rotative che non presentano grandi squilibri dinamici e dove è richiesta un’elasticità verticale e trasversale. Per soddisfare sempre al meglio le esigenze del cliente, l’azienda propone anche una serie di elementi di livellamento antivibranti LW.A che possono sopportare un carico massimo fino a 40.000 N.

Entrano a far parte della gamma anche le nuovissime manopole con limitatore di coppia regolabile MZD, utilizzate quando la coppia di serraggio non deve eccedere un determinato valore. MZD è dotata di un meccanismo brevettato Elesa che svincola la manopola dall’elemento di serraggio al raggiungimento del valore di coppia desiderato pre-settato direttamente dall’utilizzatore scegliendo tra i tre range possibili: 0.2-0.4, 0.5-0.7, 0.8-1.0 Nm. La trasmissione della coppia dalla manopola all’elemento di serraggio avviene tramite un sistema a molla che impedisce il superamento della coppia stabilita. Si tratta di un componente garantito, oltre che da materiale di qualità, dal superamento di appositi test: sottoposta fino a 60000 cicli di serraggio, i valori della coppia si sono mantenuti inalterati.