Due italiane nella top 25 della robotica

by Redazione 0

robotica-italia

robotica-italiaSi chiamano Cecilia Laschi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e Barbara Mazzolai dell’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia) di Genova: sono nella top 25 stilata da RoboHub, la più grande comunità scientifica al mondo fra esperti di robotica, sulle donne che nel 2015 hanno spinto avanti il settore.
Laschi e Mazzolai progettano entrambe robot ispirandosi alla natura: ha scelto il polpo come modello per realizzate il primo robot “soffice” la prima (a sinistra nella foto qui accanto), la seconda (a destra nella foto) coordina il Centro di Micro-BioRobotica dell’IIT a Pontedera (PI) ed è responsabile dell’europeo Plantoid Project ispirato al mondo vegetale.
“La robotica è una disciplina affascinante per la sua interdisciplinarità e l’opportunità che offre nell’affrontare importanti sfide scientifiche e tecnologiche e, allo stesso tempo, sviluppare applicazioni che rispondono a esigenze sociali ed economiche”, ha dichiarato Laschi. “Tradurre i principi che consentono alle piante di muoversi e percepire l’ambiente in un robot autonomo in grado di monitorare la qualità del suolo è una delle recenti sfide che ci siamo posti”, ha aggiunto Mazzolai.
Le due ricercatrici italiane sono state scelte fra le migliori al mondo dalla comunità scientifica “per la pura genialità che hanno dovuto dimostrare per arrivare al top del loro settore” e fanno onore alla migliore Italia che lavora e si appassiona ogni giorno: un’ottima notizia per chiudere l’anno solare.