DRV-Z1 il primo microscopio stereoscopico digitale 3D ad alta definizione

by redazione 0

vision engineering

 Si è svolta oggi a Milano  la conferenza stampa di presentazione di DRV-Z1 di Vision Engineering: ergonomia, interconnessione e facilità sono le parole chiave di questa tecnologia.

Nata nel lontano 1958 per visione di Rob Freeman, un costruttore di utensili che aveva precedentemente lavorato come meccanico da corsa con il Jaguar Racing Team, Vision Engineering è oggi un’azienda all’avanguardia nella produzione di stereomicroscopi ergonomici e sistemi di misura senza contatto. Dal primo steromicroscopio “senza oculari”, nel 1994, Vision Engineering di strada ne ha fatta tanta, tante le novità e le tecnologie tutte all’insegna di un’unica filosofia: ergonomia e semplicità.

Ed è così anche per DRV-Z1, il primo microscopio stereoscopico digitale3D ad alta definizione ultimo arrivato in famiglia, presentato oggi alla stampa a Milano da Michelangelo Prendin, General Manager Vision e Phillip Townend, Group Marketing Manager. Uno strumento nato sotto l’insegna di Industria 4.0, – come ha sottolineato Prendin, – facile da utilizzare, ergonomico e che eviti situazioni di isolamento da parte degli operatori”.

Infatti questo microscopio stereoscopico consente all’utilizzatore di visualizzare immagini 3D ad alta definizione ingrandite senza utilizzare uno schermo piatto o richiedere agli operatori di indossare occhiali speciali o visori VR, evitando così situazioni di isolamento grazie alla tecnologia TriTeQ3. Questa tecnologia sviluppata e brevettata da Vision engineering si basa sulla “fusione” di sistemi ottici e digitali. Nel dettaglio TriTeQ3 ha due telecamere posizionate che proiettano l’immagine negli occhi dell’operatore permettendo una visione tridimensionale della stessa. L’importanza di questo sistema è che l’Immagine piena rende il senso del volume: molto importante soprattutto nelle lavorazioni che richiedono controlli qualità approfonditi, quali elettronica, aerospaziale, automobilistico e medicale.

Vision DRV-Z1 3Interconnessione

Inoltre un’altro aspetto fondamentale di DRV-Z1 è l’interconnessione. Infatti come ha evidenziato Prendin “Gli operati connettendosi con altre apparecchiature DRV possono condividere e manipolare l’immagine 3D di componenti, parti o prodotti in tempo reale”. La possibilità di condividere simultaneamente immagini 3D e discutere su parti critiche, riparazioni o miglioramenti della progettazione offre vantaggi tangibili. In termini di trasferimento di informazioni vitali e di qualità di visione, colleghi di aziende multi- sito, fornitori, i loro clienti, i progettisti e gli operatori in produzione possono utilizzare la connettività in tempo reale di DRV-Z1 per accelerare e migliorare significativamente la progettazione del prodotto e la risposta del cliente.

Ergonomia

In tutto il mondo, le aziende riconoscono già l’importanza dei vantaggi ergonomici offerti dai prodotti Vision Engineering, affrontando problemi ben documentati come l’affaticamento dell’operatore e quello oculare, che si traducono entrambi in una riduzione dell’efficienza e della produttività. Utilizzando la tecnologia di visualizzazione 3D digitale TriTeQ3 brevettata, DRV-Z1 porta questi vantaggi ancora più avanti, combinando una migliore ergonomia con il trasferimento in tempo reale delle immagini 3D dei prodotti per un processo decisionale rapido e informato.

Cristina Gualdoni