NSK, da un secolo al servizio dell’industria

by Redazione 0

nsk_storia

Quest’anno il gruppo giapponese NSK (Nippon Seiko Kabushiki-gaisha) festeggia i suoi primi cento anni di vita, un secolo al servizio dell’industria come fornitore di tecnologie di motion & control.
La storia dell’azienda inizia nel 1916 quando Takehiko Yamaguchi fonda la società NSK con un capitale di soli 350.000 yen (poco più di 2.500 euro) per produrre, prima in Giappone, cuscinetti a sfera destinati alla nascente industria nipponica.

nsk_cuscinettiUNA LUNGA STORIA. Durante e subito dopo la Prima Guerra Mondiale, la cantieristica e altre industrie pesanti trasformano il Giappone in una delle principali nazioni industrializzate del mondo. NSK si specializza e innova: nel 1932 produce il primo cuscinetto a rulli conici del Giappone per gli assali dei veicoli alimentati a utilizzati sulle ferrovie nazionali. Solo cinque anni dopo, costruisce lo stabilimento di Fujisawa, ad oggi è la più vecchia fabbrica dell’azienda ancora operativa (NSK ha attualmente 22 stabilimenti di produzione in Giappone).
Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, l’industria giapponese si converte alle necessità belliche. Grazie agli ordini provenienti dal governo, NSK avvia la produzione di cuscinetti per i settori aeronautico e automobilistico, ampliando notevolmente la capacità produttiva.
Finita la guerra, nel 1945 la società giapponese raggiunge un altro primato, producendo i cuscinetti destinati all’albero principale del Ne20 della Marina Giapponese, il primo motore a turbogetto del Paese.

FUORI DAL GIAPPONE. Negli anni successivi, l’azienda supporta lo sviluppo dell’industria portando contributi significativi alla produzione di aerei a reazione, centrali termoelettriche, treni ad alta velocità Shinkansen, videoregistratori, satelliti e dischi rigidi ad alta densità per PC, per citare solo alcune delle numerose rivoluzioni tecnologiche.
Dopo la quotazione in Borsa, avvenuta nel 1949, NSK avvia un processo di internazionalizzazione proseguito fino ai giorni nostri, insieme allo sviluppo di nuovi prodotti. Per esempio, nel 2004 mette in produzione, su larga serie, il cuscinetto radiale rigido a sfere più piccolo del mondo (all’epoca), con un diametro esterno di soli 2 mm.

PRESENZA IN EUROPA. Il gruppo si consolida in Europa negli anni ’90, con l’acquisizione di UPI, il maggiore produttore di cuscinetti nel Regno Unito, noto per il suo marchio RHP. Oggi NSK Europe, con sede a Maidenhead, nel Regno Unito, ha un fatturato annuo di 1 miliardo di euro, 3500 dipendenti e stabilimenti di produzione in Germania, Polonia e Regno Unito. La società sta completando una fase di ristrutturazione che la aiuterà a servire i suoi clienti in modo ancor più puntuale e individuale grazie a servizi ulteriormente ottimizzati.

PASSATI CENTO ANNI…A distanza di un secolo, il gruppo NSK mantiene il suo primato sul mercato giapponese dei cuscinetti a sfera, ma è anche uno dei principali fornitori di questi prodotti a livello mondiale, con una produzione superiore ai 2,2 miliardi di pezzi l’anno. Negli anni il gruppo si è diversificato nei prodotti automotive, macchinari, componenti di precisione e meccatronica, che hanno contribuito a generare un giro d’affari annuo pari a 974,9 miliardi di yen, ovvero 7,4 miliardi di euro. Nel complesso, il gruppo occupa oltre 31.000 addetti in 214 siti in 30 Paesi, 65 dei quali produttivi.