Crescita a doppia cifra per MECSPE

by Redazione 0

mecspe_900
L’ultima edizione di MecSpe, fiera della subfornitura tenutasi a Parma dal 17 al 19 marzo, ha registrato una crescita del numero di espositori e visitatori, pari rispettivamente a 1.592 aziende, in crescita del 24% rispetto all’edizione precedente, e 39.656 operatori professionali, con un incremento del 17%. Numeri che testimoniano il ritorno di interesse da parte degli industriali verso i beni strumentali, dopo il lungo intermezzo di crisi che ha frenato gli investimenti.
Il cambiamento di passo s’inquadra anche in un più ampio mutamento di paradigma industriale, che vede crescere l’interconnessione e  l’integrazione dei processi produttivi in un quadro di crescente informatizzazione, che interessa ogni fase, dalla progettazione alla simulazione, dal controllo di qualità fino alla movimentazione del prodotto e alla logistica di magazzino. Aspetti che MecSpe in questi ha saputo cogliere e in parte anticipare con le isole tecnologiche, la fabbrica digitale e le aree dedicate alla produzione additiva.
“La quarta rivoluzione industriale è oggi – nota Emilio Bianchi, Direttore di Senaf, la società che organizza l’evento parmense -. L’industria 4.0, capace di rispondere al radicale mutamento che sta investendo l’intero settore manifatturiero, rappresenta una vera opportunità di crescita e business: fabbriche sempre più intelligenti, informatizzate, interconnesse e automatizzate, capaci di ottimizzare i processi produttivi”.
Archiviato MecSpe, che tornerà a Fiere di Parma l’anno prossimo dal 23 al 25 marzo, il prossimo appuntamento per il settore è BI-MU, la biennale italiana della macchina utensile in programma nel quartiere espositivo di Fieramilano Rho da martedì 4 a sabato 8 ottobre 2016, quest’anno alla sua trentesima edizione.