Cobot Kuka in azione alla Ford

by Redazione 0

New collaborative robots, also known as co-bots, are first being used to help workers fit shock absorbers to Fiesta cars, a task that requires pinpoint accuracy, strength, and a high level of dexterity. Employees work hand-in-hand with the robots to ensure a perfect fit every time.

Robot collaborativi, capaci cioè di interagire in fabbrica con esseri umani senza protezioni, sono già realtà nello stabilimento Ford di Colonia, in Germania, all’interno di una linea di montaggio della Fiesta.

I “cobot” aiutano gli operai a installare l’ammortizzatore nel passaruota, un compito che richiede doti di accuratezza, forza e un elevato grado di destrezza. Gli operai affiancano il robot per garantire il corretto posizionamento del componente, mentre il compito di sollevare e posizionare la pesante attrezzatura pneumatica è affidato alla macchina. Quando il pezzo è in posizione, l’addetto dà il consenso premendo un tasto.

I robot, sviluppati in collaborazione con la tedesca Kuka Roboter, sono dotati di speciali sensori capaci di rilevare se un braccio, o solo un dito, dell’operatore si trova nel campo di azione delle parti meccaniche: in questo caso il robot si ferma evitando possibili ingiurie al collega umano.

Prima di implementare i cobot nelle linee, Ford ha ascoltato i lavoratori per identificare quali compiti sarebbero stati più adatti ad un lavoro di squadra.

“I robot ci stanno aiutando a rendere i compiti più facili, più sicuri e più veloci, integrando i nostri addetti con abilità che aprono nuove e illimitate possibilità nella progettazione e produzione di nuovi modelli Ford”, commenta Karl Anton, responsabile Vehicle operations di Ford in Europa.