Bruxelles impone dazi all’acciaio cinese

by Redazione 0

Commissione-europea

Al termine di un’indagine avviata a febbraio, la Commissione europea ha deciso di imporre due nuovi dazi provvisori sull’acciaio proveniente dalla Cina come misura anti-dumping: i dazi variano tra 13,2% e il 22,6%, a seconda dei produttori, per i piatti laminati a caldo e tra il 65,1 e il 73,7% per i prodotti piatti pesanti. I dazi sono applicati retroattivamente a partire dallo scorso agosto, grazie alla registrazione delle importazioni attivata durante le indagini.

Le indagini della Commissione europea hanno infatti confermato che i prodotti provenienti dalla Cina erano venduti in Europa sotto costo. Da qui la decisione di imporre dazi per allineare i prezzi a quelli di mercato, dando ossigeno alle aziende europee che subivano una concorrenza sleale.

Bruxelles ha ora sei mesi di tempo per decidere se ritirare o confermare i dazi provvisori. Sotto indagine della Commissione anche le importazioni di acciaio da Brasile, Iran, Russia, Ucraina e Serbia.