BI-MU convince, crescono visitatori ed espositori

by redazione 0

bimu

Si è chiusa con successo di espositori e visitatori la trentesima edizione di BI-MU, la biennale della macchina utensile, robotica e automazione tenutasi nei giorni scorsi a Milano. In concomitanza con Sfortec Industry, salone della subfornitura industriale.
Nei quattro padiglioni (9, 11, 13, 15) di fieramilano Rho erano presenti quest’anno 1.076 espositori, il 41% dei quali straniere in rappresentanza di 33 Paesi, su una superficie totale di 90.000 metri quadrati. AI cancelli della fiera si sono presentati quest’anno 62.576 visitatori. Di questi, 59.554 erano professionisti, il 6% in più rispetto all’edizione precedente. 3.022 sono risultati gli studenti accreditati, contro i 5.714 dell’edizione 2014, poiché l’accesso alle scuole è stato possibile solo su invito e secondo il programma previsto dall’iniziativa Pianeta Giovani, che ha permesso, alle classi accreditate, la visita guidata nei padiglioni.

Nel calcolo delle visite da parte dei professionisti rientrano anche i 2.418 ingressi effettuati da operatori stranieri provenienti da 75 nazioni. Il dato risulta del 17% superiore rispetto a quello registrato in occasione della precedente edizione di BI-MU.
“Di fatto – ha affermato Massimo Carboniero, presidente di Ucimu – Sistemi per produrre, organizzatore del salone – la manifestazione ha presentato una interessante panoramica dei trend tecnologici che caratterizzano il settore, evidenziando poi le possibili applicazioni riguardanti il tema di “Industria 4.0” “. “BI-MU – ha aggiunto Carboniero – si è svolta in un clima positivo in virtù dell’andamento favorevole del mercato italiano e delle aspettative riposte nelle misure previste dal Piano Nazionale Industria 4.0 che farà parte della Legge di Stabilità 2017”.
“Siamo certi – ha aggiunto Alfredo Mariotti, direttore generale di Ucimu – che l’operatività di provvedimenti quali Superammortamento al 140%, Iperammortamento al 250% e Nuova Sabatini, anche per il prossimo anno, saranno un ulteriore stimolo alla già vivace domanda italiana di macchinari e tecnologia, come testimonia il grande afflusso di visitatori che sono giunti a BI-MU anche sabato, ultimo giorno di fiera”.