Aprile a doppia cifra per l’auto

by Redazione 0

robot_auto_810
Continua la striscia positiva delle vendite di autoveicoli in Italia, con il mese di aprile che chiude a quota 166.966 immatricolazioni, 17.300 in più (+11.5%) rispetto ad aprile 2015, segnando così ventitreesimo incremento consecutivo. Nei primi quattro mesi dell’anno il cumulato assomma a 687.021 unità, in crescita del 18,6% se confrontato con i volumi dello stesso periodo dell’anno scorso.
“Bisogna tornare indietro al 2009 per avere un mese di aprile con volumi superiori (189.661 unità) a quelli registrati nel mese appena concluso, che segna la quarta crescita a doppia cifra consecutiva per il mercato italiano, anche se un po’ più contenuta rispetto a quelle dei tre mesi precedenti”, commenta Aurelio Nervo, Presidente di Anfia, l’associazione italiana della filiera automotive.
Il comparto automotive sta supportando la ripresa del manifatturiero in Italia, grazie alle positive ricadute sull’indotto. “Il buon andamento della domanda di autovetture ha innescato una spirale positiva che investe la produzione, in crescita del 65% nel 2015 e del 31% nel primo bimestre 2016, considerando solo il comparto delle auto, con risvolti positivi per tutta la filiera”, conferma Nervo.
“Le vendite a privati – nota Massimo Nordio, Presidente di Unrae, l’Associazione delle case automobilistiche estere – si confermano molto dinamiche fra i canali di vendita, grazie ad una necessità improrogabile di sostituire vecchie autovetture, già rimandata negli anni di crisi, e ad un mercato del credito decisamente più favorevole anche per i finanziamenti finalizzati all’acquisto di autovetture”.
“Proprio la spinta degli acquisti dei privati di questa prima parte dell’anno – continua Nordio – decisamente più ampia di quanto prevedibile, e l’ulteriore crescita del noleggio, portano a rivedere al rialzo in modo deciso la stima per l’anno 2016, che potrebbe chiudere a 1.780.000 vetture immatricolate, in aumento del 13% rispetto alle 1.575.600 dell’intero 2015, con circa 200.000 auto in più”.